Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
Bulgaria
Croazia
Danimarca
Estonia
Fed. Russa
Germania
Italia
Lettonia
Lituania
Polonia
Rep. Ceca
Romania
Slovacchia
Slovenia
Ucraina
Ungheria
America
Africa
Asia
Viaggiare in modo responsabile
Italia





INDICE

informazioni generali

meta del viaggio

geografia politica

(glossario)

 


INFORMAZIONI GENERALI

Superficie

301.230 kmq

Popolazione

58,15 milioni (2008)

Capitale

Roma (2,71 milioni abitanti, 2007)

Lingua ufficiale

Italiano (altre lingue: Tedesco, Francese, Sloveno)

Prodotto interno lordo pro capite

31.000 $ USA (2007) (PPP)

Crescita della popolazione

-0,02% (2008)

Aspettativa di vita

80,1 anni (unomini: 77,1, donne: 83,2) (2008)

Mortalità infantile

5,6 per 1000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

1,5% (2003)

 


META DEL VIAGGIO

Turismo

Per l’Italia, il turismo rappresenta una delle più importanti risorse economiche. Il turismo di massa e quello individuale sono attratti soprattutto dalle antiche città italiane e da coste, laghi e montagne. Nel 2002 circa 40 milioni di stranieri si sono recati in Italia. Lazio, Toscana, Lombardia ed Emilia-Romagna sono le regioni italiane più visitate (52,8% del turismo nazionale nel 2000).


 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo a scopo di lucro

L’Italia, come molti altri paesi industrializzati, è un “paese di origine” di questo problema. Vale a dire che parecchi viaggiatori si recano all’estero con lo specifico proposito di andare in cerca di prestazioni sessuali. Comunque, negli ultimi 10 anni si è sviluppato un fenomeno parallelo, del quale è necessario tenere conto perché è strettamente correlato con il turismo sessuale: è l’introduzione sul mercato della prostituzione di ragazze minorenni provenienti dall’Albania o da altri paesi dell’Europa Orientale, che sono state introdotte illegalmente attraverso le frontiere da gruppi criminali composti principalmente da cittadini albanesi. Un recente studio indica che in Italia sono presenti 20.000 prostitute, delle quali 2.000 sono minorenni.

 

L’industria turistica (in particolare parecchie agenzie di viaggi ed operatori turistici) ha preso parte a crescenti campagne di informazione contro il fenomeno ed ha redatto un codice di comportamento, con il fine di combattere l’abuso sessuale su bambini da parte dei turisti. Altri studi indicano 1.000 prostitute minorenni registrate solo a Roma.


 

Legislazione

L’abuso sessuale su minori è punito in Italia con la detenzione fino a 12 anni.

Una recente legge (Legge n. 269 del 3 Agosto 1998) ha introdotto in Italia il principio dell’extraterritorialità del delitto di turismo sessuale con bambini, che permette di punire con la reclusione chi ha commesso il reato all’estero, senza l’ostacolo della doppia incriminazione (che richiederebbe che il fatto fosse considerato delitto sia nel paese dove è stato commesso che nel paese di origine dell’autore del reato). A differenza della Germania e della Francia, in Italia ancora nessuno è stato condannato per questo delitto.

Questa legge impone all’industria turistica di comunicare il suo contenuto ai propri clienti. L’operatore turistico deve inserire chiaramente in tutte le pubblicazioni relative al viaggio che “la legge italiana prevede l’incriminazione sul territorio italiano dei cittadini italiani accusati di aver commesso reati inerenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche se commessi all’estero”.

 

L’Italia ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Uniti sui Diritti del Bambino il 5 Settembre 1991 e si è impegnata a proteggere i bambini contro tutte le forme di sfruttamento ed abuso sessuale. Nel giugno 2002 è stato ratificato il Protocollo aggiuntivo riguardante la prostituzione minorile, la pornografia infantile e la tratta di bambini.


 

HIV / AIDS

Secondo stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, a fine 2003 erano 140.000 le persone infette da HIV in Italia. Circa 1.000 persone sono morte a causa della sindrome da immunodeficienza acquisita.


 

Contatti locali

 

Italian Coordination of Public and Private Services Against Child Abuse

Via del Mezzetta, 1 interno

50135 Firenze, Italy

Phone: +39 55 601375/6121306

Fax: +39 55 603234

Email: cismai@infinito.org

Website: http://www.cismai.org

Main contact person(s): Roberta Luberti (artemisia@fol.it)

 

Save the Children Italia

Via Firenze, 38

00184 Roma, Italy

Phone: +39 06 4807001

Fax: + 39 06 48070057

Email: info@savethechildren.it

Website: www.savethechildren.it

 

ECPAT - Italy

(End Child Prostitution, Child Pornography and the Trafficking of Children for Sexual Purposes - Italy)

Vicolo Scavolino, 61

00187 Roma, Italy

Phone: +39 06 9727 7372

Fax: +39 06 6938 0406

Email: info@ecpat.it

Website: http://www.ecpat.it

 

Terre des Hommes - Italy

Viale Monza 57 -

20125 Milano, Italy

Phone: +39 02 289 70 418

Fax: +39 02 261 139 71

Email: info@tdhitaly.org

Website: http://www.tdhitaly.org


GEOGRAFIA POLITICA

Storia

Già nell’antichità, l’Italia era un importante centro culturale in Europa e fu la culla dell’Impero Romano. Alla fine del Medioevo l’Italia perse sempre più importanza poiché le principali rotte commerciali si spostarono dal Mediterraneo all’Atlantico. Dapprima nacquero le città-stato italiane. Successivamente, il territorio dell’attuale stato italiano fu più volte teatro della politica di conquista di stati stranieri. Solo dopo il Congresso di Vienna del 1815 si rafforzarono in Italia i movimenti per la libertà e l’unificazione che portarono all’unità del paese nel 1860 con Vittorio Emanuele II.

Durante la Prima Guerra Mondiale, dopo un’iniziale neutralità, l’Italia si schierò più tardi al fianco delle potenze vincitrici e ottenne, tra l’altro, il territorio dell’Alto Adige/Südtirol.

Nel 1922 conquistò il potere Mussolini, il dittatore fascista che condusse il paese in guerra al fianco della Germania durante il secondo conflitto mondiale. Dal 1948, in seguito a referendum, l’Italia è una repubblica; nel 1957 è uno dei paese fondatori della CEE.


 

Stato e società

L’Italia è il sesto paese in ordine di grandezza dell’Unione Europea. La Repubblica Italiana è una repubblica parlamentare. Il Parlamento è formato dalla Camera dei Deputati e dal Senato della Repubblica.

 

La lingua ufficiale è l’italiano, tuttavia in alcune regioni vicine alla frontiera è parlato anche il tedesco (Trentino-Alto Adige), il francese (Valle d’Aosta) e lo sloveno (Friuli-Venezia Giulia). Il numero di stranieri che vivono in Italia fluttua a causa dell’immigrazione clandestina. È stato calcolato che nel 1999, in Italia vivessero 1.270.000 stranieri.

 

Nel 2002, circa 2,5 milioni di famiglie vivevano al di sotto della soglia di povertà. Il tasso di povertà, che è il rapporto tra il “numero di famiglie povere” e il “numero totale di famiglie”, era pari all’11%. Il numero di “famiglie in povertà assoluta” ammonta a 926.000, dato che corrisponde al 4,2% delle famiglie nel loro insieme.


 

Economia

L’Italia è la settima economia del mondo, stato membro del G8 e terzo paese a livello europeo per tasso d’industrializzazione. Le merci più importanti per l'esportazione italiana sono i beni produttivi (88,8% del PNL), seguiti dai prodotti agricoli (7,3%) e da quelli energetici (1,3%). L’Italia continua ad essere caratterizzata da una divisione in due del paese. Mentre il Settentrione presenta un forte settore industriale e terziario, ed è quindi paragonabile ai vicini paesi nordici, il Meridione è caratterizzato principalmente dall’agricoltura.


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print