Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
Bulgaria
Croazia
Danimarca
Estonia
Fed. Russa
Germania
Italia
Lettonia
Lituania
Polonia
Rep. Ceca
Romania
Slovacchia
Slovenia
Ucraina
Ungheria
America
Africa
Asia
Viaggiare in modo responsabile
Lituania





INDICE

informazioni generali

meta del viaggio

geografia politica

(glossario)

 


INFORMAZIONI GENERALI

Superficie

65.200 kmq

Popolazione

3,57 milioni (2008)

Capitale

Vilnius (553.904 abitanti nel 2006)

Lingua ufficiale

Lituano (altre lingue: Russo 8 %, Polacco 5,6%)

PIL  pro capite

16.700 $ USA (2007) (PPP)

Crescita della popolazione

-0,28% (2008)

Aspettativa di vita

74,7 anni (uomini: 69,7 anni, donne: 79,9 anni) (2008)

Mortalità infantile

6,6 per 1000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

0 % (2007)

 

 


META DEL VIAGGIO

Turismo

La Lituania offre sia ai viaggiatori interessati alla cultura sia agli amanti della natura numerose attrattive. Innanzitutto, le città con la loro architettura variegata permettono di farsi un’idea concreta della storia lituana. Centinaia di laghi e corsi d’acqua intatti sono gli elementi caratteristici di una regione affascinante in cui trascorrere le vacanze. È possibile trascorrere una vacanza addirittura al mare sulle immense spiagge, in parte deserte, della Penisola Curlandese e a Palanga.

Nel 2002 hanno visitato la Lituania 1,3 milioni di turisti facendo incassare al paese circa 400 milioni di Euro.


 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo a scopo di lucro

Secondo l’UNICEF, in Lituania il 20-50% delle prostitute non ha compiuto la maggiore età. La Lituania, però, non è una destinazione usuale per i turisti che hanno l’obiettivo di commettere sul luogo reati sessuali ai danni dei bambini. In Lituania l’abuso sessuale su minori è punito con pene detentive da 3 a 15 anni.

La tratta di esseri umani è un problema grave in Lituania. Le vittime sono per un terzo minorenni e con false promesse vengono indotte a farsi sfruttare sessualmente in Occidente. Una volta è un annuncio sul giornale che offre un lavoro redditizio nei paesi dell’Europa occidentale, un’altra volta i concorsi di bellezza che dovrebbero tenersi nei paesi occidentali o che promettono un viaggio o un lavoro in Occidente come premio.


 

Legislazione

In Lituania il contatto sessuale con i bambini, in generale, è punito dalla legge; chi abusa dei bambini con la prostituzione è sottoposto a pene tra i 3 e i 7 anni.

Nel marzo 1992 la Lituania ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Bambino.


 

HIV / AIDS

Il numero di sieropositivi HIV è stimato da UNAIDS intorno alle 1.300 persone. Ciò corrisponde ad un aumento del 20% negli ultimi due anni. È difficile calcolare il numero di morti per AIDS, ma si stima sia inferiore a 200 persone.


 

Contatti locali

 

Save the Children Lithuania

(Gelbekit Vaikus )

Vilniaus G 22/1

Vilnius LT-01119, Lithuania

Phone: +370 5 261 08 15

Fax: +370 5 261 08 37

Email: info@gelbvaik.lt

Website: www.gelbvaik.lt

Main contact person(s): Rasa Dicpetriene (info@gelbvaik.lt

  

Children Support Center

Latviu 19A-8

Vilnius LT-08113

Phone: +370 5 2715980 or +370 611 43567

Fax: +370 5 2715979

Email: pvc@pvc.lt

Website: http://www.pvc.lt/

 


GEOGRAFIA POLITICA

Storia

La Lituania viene menzionata per la prima volta nel 1009, quando si tentò invano di cristianizzare quel territorio. Passarono oltre due secoli, prima che la regione venisse unificata sotto il sovrano Mindaugas e sorgesse uno stato lituano di fede cristiana per un breve periodo. Tuttavia, il cristianesimo riuscì ad affermarsi solo alla fine del XIV secolo.

La Lituania approfittò della debolezza della Russia durante l’invasione mongola: molti principi russi si unirono alla Lituania, altri vennero conquistati con la forza. Successivamente, si realizzò l'unione tra Lituania e Polonia con cui parti dell'Ucraina, della Bielorussia e della Polonia passarono sotto il dominio lituano.

Nel 1410 polacchi e lituani sconfissero definitivamente i Cavalieri Teutonici nella battaglia di Tannenberg. Suggellarono così l'apogeo dell'ordine cavalleresco, difendendosi da esso e dalla sua espansione.

Nei secoli successivi la nobiltà polacca riuscì ad ottenere sempre più influenza e ben presto la Lituania sembrò diventare parte della Polonia, come venne sancito formalmente nell’Unione di Lublino del 1569.

Con la terza spartizione della Polonia del 1795, la Lituania finì nelle mani della Russia. Solo alla fine della Prima Guerra Mondiale ottenne l’indipendenza, ma già nel 1940 ritornò sotto il dominio sovietico per poi essere conquistata dalle truppe tedesche un anno più tardi. I Lituani penarono soprattutto sotto il regime del terrore dei Tedeschi e le vittime furono in prima linea la popolazione di religione ebraica. Nel 1944 l’Armata Rossa riconquistò il paese e la Lituania divenne una repubblica sovietica. Seguirono altre deportazioni e una colonizzazione massiccia per mezzo di altri “cittadini sovietici”. Fino al 1953 sopravvisse una resistenza lituana al dominio straniero.

Nel 1990 ci furono le prime elezioni libere in Lituania. Poco tempo dopo, il paese si dichiarò indipendente e questo atto comportò il blocco economico da parte della Russia. Nel 1991 un gruppo fedele a Mosca tentò un colpo di stato con l’aiuto dei militari. Morirono 16 civili, ma il colpo di stato fallì. Nell’estate dello stesso anno la Lituania venne riconosciuta dalla comunità internazionale ed entrò a far parte delle Nazioni Unite. Nel 2004 entrava a far parte dell’UE.


 

Stato e società

In base alla Costituzione del 1991, la Lituania è una democrazia parlamentare con una camera. Il Presidente, inoltre, gode di ampi poteri.

La movimentata storia del paese si rispecchia anche nelle diverse nazionalità che costituiscono la popolazione, anche se non così chiaramente come in altri stati baltici. Con l’83,5% i lituani rappresentano la netta maggioranza. Le minoranze più numerose sono i polacchi (6,8%), i russi (6,3%), i bielorussi (1,2%) e gli ucraini (0,7%).

Nonostante indici economici impressionanti, il livello medio di vita è sotto il 40% della media interna all'UE. Nel 2004 la disoccupazione è poco al di sopra del 10%, ma comunque in diminuzione.


 

Economia

La Lituania è un paese povero di materie prime con modesti giacimenti di petrolio e gas naturale. Importanti risorse economiche sono il legno, la torba, la sabbia e l’argilla. Tuttavia, la Lituania ha una posizione geografica vantaggiosa, che la rende paese di transito tra l'Europa centrale e settentrionale e anche tra Russia ed Europa. Inoltre, in Lituania c’è l’unica raffineria del Baltico, che contribuisce per il 10% alla formazione del PIL.

L’entrata nell’UE riveste un ruolo importantissimo per l’economia del paese. Anche i dati economici sono convincenti: la crescita è oltre il 7%, i disavanzi pubblici sono dell’1,2% e nel 2003 l’inflazione era quasi nulla.

Nel 2004 si è conclusa in gran parte la privatizzazione delle aziende pubbliche, che continuerà nei prossimi anni. Si sono già sviluppati settori economici importanti per la crescita come quello delle tecnologie dell'informazione. Nell’agricoltura, che occupa il 17% della forza lavoro, sono necessari ancora enormi cambiamenti strutturali.


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print