Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
Bulgaria
Croazia
Danimarca
Estonia
Fed. Russa
Germania
Italia
Lettonia
Lituania
Polonia
Rep. Ceca
Romania
Slovacchia
Slovenia
Ucraina
Ungheria
America
Africa
Asia
Viaggiare in modo responsabile
Europa

Lo sfruttamento sessuale di bambini riguarda sempre di più anche gli stati in Europa, soprattutto nell’Europa orientale. Una tendenza favorita dalla libertà di viaggiare e dalla differenza di benessere tra Europa occidentale ed orientale. Gli stati dell’Europa occidentale sono principalmente paesi di provenienza degli autori di questi reati e come paesi di destinazione nello sfruttamento sessuale connesso al turismo hanno un ruolo meno importante. Secondo un’indagine dell’UNICEF, ogni anno 120.000 giovani donne e bambini provenienti dal Sud-Est dell’Europa sono venduti nell’Unione Europea, dove sono costretti a prostituirsi o vengono sfruttati sessualmente in altro modo.

 

Chi osserva all’estero un caso di abuso su bambini da parte di turisti, può comunicarlo all’operatore turistico, alla guida turistica e/o al direttore dell’albergo sul posto. Anche le ambasciate e le organizzazioni non governative ricevono informazioni e studiano i casi. I seguenti paesi europei permettono con il principio dell’extraterritorialità di perseguire penalmente i colpevoli nel loro paese, anche quando nel paese dove è stato commesso il reato non viene mossa alcuna accusa: Belgio, Danimarca, Germania, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Austria, Portogallo, Svezia, Svizzera, Slovenia, Spagna e Cipro.

 

Seleziona nel menu a sinistra un paese su cui desideri avere maggiori informazioni. Se nelle informazioni sulle nazioni incontri concetti sconosciuti, ti può essere d’aiuto il glossario.


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print