Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
America
Brasile
Costa Rica
Cuba
Ecuador
Giamaica
Guatemala
Nicaragua
Rep. Dom.
Venzuela
Africa
Asia
Viaggiare in modo responsabile
Brasile





INFORMAZIONI GENERALI

Superficie

8.511.965 km²

Popolazione

196,3 milioni (2008)

Capitale

Brasília (2,3 milioni di abitanti 2007)

Lingua ufficiale

Brazilian Portuguese

PIL pro capite (PPP)

9700 US-$ (2007)

Crescita della popolazione

1,2 % (2008)

Aspettativa di vita

71,7 anni (uomini: 68,2 anni, donne: 75,5 anni) (2008)

Mortalità infantile

23,3 per 1 000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

11,4% (2004)

 

 


META TURISTICA: BRASILIA

Turismo

Il turismo sta diventando sempre più importante per il Brasile. Il turismo di massa e i viaggiatori individuali sono attratti dalle intatte foreste tropicali che sono le maggiori al mondo, come pure dalle spiagge dalla sabbia fine come i rinomati 360 ettari di Copacabana a Rio de Janeiro. L'amministrazione della città di Rio ha effettuato un piano strategico dal 1997 per migliorare le infrastrutture turistiche e rendere Rio ancora più attraente come destinazione turistica. Un budget annuale di circa 15 milioni di dollari è stato accantonato per questo. Vengono ospitati in Brasilia 4,7 milioni di turisti all’anno.

 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo

Unitamente ad altri fattori, il turismo in espansione ha contributo alla crescita delle infrastrutture di svago. Sulla sua scia, si è avuto un aumento della prostituzione e del commercio umano. La prostituzione viene incoraggiata dall'impoverimento di gran parte della popolazione: ogni giorno nuovi bambini vengono avviati alla prostituzione per assicurare la sopravvivenza economica alle loro famiglie. I bambini di strada sono particolarmente a rischio di sfruttamento sessuale. Nella loro disperazione, alcuni cedono davanti ad offerte di lavori ben retribuiti. Negli anni recenti, è aumentato notevolmente il numero di bambini costretti a prostituirsi nelle città.

 

Per combattere ciò, il governo ha insediato speciali commissioni nelle città. Nel 1998, il governo ha speso 1,7 milioni di dollari statunitensi in misure di riabilitazione per 10.000 bambini che si prostitiscono, allo scopo di tenerli lontano dalle strade. Inoltre, nel 1997 è stata istituita una linea telefonica in modo che la gente possa denunciare lo sfruttamento sessuale di bambini. In Brasile l'abuso di minori è punito con il carcere. Il Brasile ha pure ratificato la Convenzione UN sui Diritti del Bambino il 25 settembre 1990 ed ha iniziato a proteggere i bambini contro ogni forma di sfruttamento sessuale e di abuso sessuale.

 

HIV/Aids 

Secondo la UNAIDS e l'Organizzazione Mondiale della Salute, 540.000 persone in Brasile sono state infettate dal virus HIV alla fine del 1999, includendo 130.000 uomini e 9.900 bambini. Nel 1999, 18.000 brasiliani sono morti in seguito all'infezione del virus HIV.

 

Chiunque osservi un caso di abuso su minori dovrebbe riferirlo all'operatore turistico, alla guida turistica e/o al direttore dell'albergo. Riferimenti possono essere fatti anche alla polizia locale, alla Commissione contro lo Sfruttamento Sessuale di Bambini, alle ambasciate e ad organizzazioni non governative che si occuperanno di questi casi.


 

Contatti locali

 

Agência de Notícias dos Direitos da Infância (ANDI)

(News Agency for Children's Rights - Brazil)

SDS Ed. Boulevard Center - Bloco A

Sala 101

Brasília-DF, 70.391-900, Brazil

Phone: +55 61 322 6508

Fax: +55 61 322 4973

Email: andi@andi.org.br

Website: http://www.andi.org.br (in Portugese)

Main contact person(s): Camila Melo Oliveiro (camila@andi.org.br)

 

CECRIA

Av. W/3 Norte Quadra 506 Bloco "C" Mezanino, Lojas 21 e 25

Brasília/DF

CEP: 70.740-503

Phone: +55 061 274 66 32

Fax: +55 061 340 87 08

Email: cecria@cecria.org.br

Website: http://www.cecria.org.br

 

Brazilian Human Rights Centre

(CENTRO DE DEFESA, GARANTIA E PROMOCAO DE DIREITOS HUMANOS )

Ladeira de Santa Teresa 18

20241-140 Rio de Janeiro, Brazil

Phone: +55 21 232 1504 or +55 21 252 4458

Fax: +55 21 252 0961

Email: ibisslegal@ax.apc.org

 

Christian Children's Fund - Brazil

Rua Curitiba, 689 - 6o andar

Belo Horizonte MG, Brazil

Phone: +55 31 271 3115

Fax: +55 31 212 6957

Email: ibiss@ibiss.com.br

 


POLITICA ED ECONOMIA

Stato e società

La Repubblica Federale del Brasile è il quinto più grande paese del mondo. Capo dello stato e del governo è il presidente di stato - da gennaio 2003 questa carica é rivestita da Luiz Inácio Lula da Silva. Il potere legislativo é rappresentato dal Congresso Nazionale e questo a sua volta è formato dalla Camera dei deputati e dal Senato.

  

Il Brasile è una terra di contrasti. Pochi paesi hanno un maggior divario tra i molti poveri e i pochi ricchi del Brasile. All’incirca il 18% della popolazione vive al margine o al di sotto della soglia di povertá.

Quaranta milioni di bambini e adulti vivono in povertà e la loro situazione è ulteriormente peggiorata dopo la siccità del 1998 che è durata otto mesi. La perdità di opportunità ha portato ad un aumento dell'abuso di droga e di alcool, e a una maggior criminalità nella vita quotidiana, con rapine a mano armata, incluse quelle ai turisti e stupri frequenti . Una esperienza comune a molti bambini è la violenza in famiglia. La spaventosa situazione economica viene spesso citata come scusa.

 

L'insieme di tradizioni africane, indigene ed europee, in particolare portoghesi, ha contribuito alla varietà culturale del Brasile. La popolazione è etnicamente diversificata, con il 54 percento di bianchi, il 40 percento di razze miste (mulatti, caboclos and cafusos), e il 5 percento di neri. Il numero di indigeni amerindi è calcolato in 350.000. Circa il 94 percento dei Brasiliani è di religione cattolica romana, ma stanno crescendo gruppi protestanti e sta aumentando il numero di sette di culto sincretismo-animista.

 

Economia

Il Brasile ha l'economia più importante dell' America latina ed è uno dei paesi più industrializzati della regione. E' ricco di risorse naturali, potenza idroelettrica e risorse umane. Le condizioni dell'agricoltura sono buone: Il Paese é il primo produttore al mondo di caffé, canna da zucchero e arance ed é al secondo posto nella produzione di soia, mais, carne di manzo e pollame.

Anche se i vantaggiosi requisiti economici del Paese non mancano, negli anni tra il 2001 e il 2003 i salari hanno subito un calo e il Paese ha avuto una scarsa crescita media del 1,1%. Questa circostanza é da attribuire alle crisi economiche sia internazionali che prodottesi a casa propria che il Paese dovette subire durante questo periodo. Il fatto che si sia potuto evitare il tracollo finanziario totale del Paese si deve al programma economico sviluppato dall’ultimo presidente Cardoso i cui punti principali sono costituiti dall’introduzione di cambi liberi con orientamento alle mete d’inflazione cosí come dal sostegno dell’evoluzione della privatizzazione.

 

Con una riforma agricola e una politica speciale per le zone rurali, il governo tende a migliorare la situazione economica della popolazione rurale. Il processo di riforma economica ha contribuito a ridurre il debito nazionale e la disoccupazione, e si suppone che possa assicurare la crescita economica.

 


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print