Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
America
Brasile
Costa Rica
Cuba
Ecuador
Giamaica
Guatemala
Nicaragua
Rep. Dom.
Venzuela
Africa
Asia
Viaggiare in modo responsabile
Ecuador





INFORMAZIONI GENERALI

Superficie

283.560 kmq, incluse le Isole Galapagos

Popolazione

13,93 milioni (2008)

Capitale

Quito (1,4 milioni abitanti 2006)

Lingua ufficiale

Spagnolo; Quechua ed ulteriori linguaggi Indios (12 gruppi etnici)

PIL (PPP) pro capite

7100 US-$ (2007)

Crescita della popolazione

0,9% (2008)

Aspettativa di vita

76,8 anni (uomini: 73,9 anni, donne: 79,8 anni) (2008)

Mortalità infantile

21,4 per 1.000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

9% (2003) 

 


META TURISTICA: ECUADOR

Turismo

Il turismo rappresenta la più promettente fonte di introiti valutari per il futuro ed è già il terzo più importante settore dell’economia Ecuadoregna. Fin dagli anni ’60 c’è stata una rapida crescita di visitatori del paese,che negli ultimi anni ha peró subito un ristagno: nel 2003 furono ospitati 609.000 visitatori, che portarono al Paese 430 milioni di dollari.

Del 95% di turisti individuali e del 15% di turisti organizzati, il 75% proveniva da Nord e Sud America, il 20% dall’Europa ed il 5% dagli altri continenti. Questi si dividevano in turisti per cultura (33%), viaggiatori d’affari (26%), persone in visita alle loro famiglie (16%) o per assistere ad eventi sportivi (8%) e studenti di lingua (6%). Non c’era una marcata differenza tra i sessi. Attrazioni particolari sono le Isole Galapagos e Atacames. C’è una considerevole potenziale crescita nel settore del turismo ambientale. Per questa ragione, le Isole Galapagos, gli altopiani e le foreste pluviali tropicali sono state sviluppate per il turismo. Tuttavia, il turismo ha impatto anche sull’ambiente, così come sulla vita sociale e culturale degli Ecuadoregni, tra le altre cose a causa dell’aumento del costo della vita.

 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo

Come negli altri paesi dell’America Latina, in Ecuador ci sono numerosi bambini di strada, che a causa della loro povertà possono cadere nella prostituzione. In aggiunta, in Ecuador, ci sono anche segni evidenti di traffico di minori, in parallelo con l’aumento del turismo sessuale.

 

Le indagini hanno mostrato che nel 1999 un bambino su due proveniva da una famiglia che non era in grado di pagare cibo, alloggio, istruzione e cure mediche. Di conseguenza, questi bambini non vanno a scuola ed il 20.5% era stato costretto ad iniziare a lavorare in età tra i 5 ed i 9 anni ed il 53% tra i 10 ed i 14 anni. In un paese che sta lottando contro sottoccupazione e disoccupazione, spesso la sola occasione di offrirsi è la prostituzione. Essi diventano poi vittime di sfruttamento da parte di trafficanti e turisti sessuali.

 

Corruzione e libera interpretazione delle leggi esistenti favoriscono una rapida crescita della domanda e dell’offerta nel campo del sesso a scopo di lucro. Non è stata presa ancora nessuna annotazione ufficiale di questo problema, così che non sono disponibili statistiche affidabili.

Ciò vale anche per la diffusione di HIV e AIDS, la quale secondo le stime si aggirava intorno allo 0.29% nel 1999. Nel 1999 sono stati registrati 19 000 infezioni e 1 400 decessi.

 

L’Ecuador ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Bambino il 26 Gennaio 1990 e si è impegnato a proteggere i bambini contro tutte le forme di sfruttamento sessuale ed abuso sessuale.

 

Chiunque osservasse un caso di abuso dovrebbe riferirlo all’operatore turistico, alla guida turistica e/o al direttore dell’albergo. Anche le ambasciate e le organizzazioni non governative seguono i casi loro segnalati.

 

HIV/Aids

Le statistiche per quanto riguarda questa malattia sono molto imprecise. Si stima che nel 2003 il numero dei contagiati sia arrivato a 21.000 persone e che nello stesso anno siano morte per via di questa malattia 1.700 persone.


 

Contatti locali

 


POLITICA ED ECONOMIA

Stato e società

Sulla base della sua costituzione del 1979, l’Ecuador è una repubblica (Repubblica dell’Ecuador) con un sistema presidenziale che ricalca il modello degli Stati Uniti. Il Presidente è il capo dello stato ed il capo delle forze armate, con precedenza sulla legislatura – la Camera dei Deputati. Questa è un parlamento a camera singola con 77 membri eletti direttamente. Le elezioni hanno luogo ogni quattro anni e chiunque abbia 18 anni o più è obbligato a votare, sebbene ciò sia facoltativo per gli analfabeti.

 

La popolazione dell’Ecuador è composta da Mestizos (50%), Indios (30%), Afro-Ecuadoregni (10%) e Bianchi (10%). Di questi, circa l’85% è Cattolico Romano, con quantitativi più piccoli di protestanti, Ebrei e seguaci di religioni naturali. La libertà di culto è inclusa nella costituzione.

 

In Ecuador l’educazione scolastica è fornita dai 6 ai 14 anni ed il sistema educativo sia pubblico che privato è soggetto al controllo statale. C’è un dislivello tra città e campagna nei modelli educativi, così come tra le classi sociali. I livelli educativi nelle scuole private sono considerevolmente più alti di quelli delle scuole statali.

 

Economia

L’economia Ecuadoregna conta sull’industria petrolifera e sull’agricoltura. La caduta del prezzo del greggio, la crisi dell’Asia e gli effetti dei fenomeni climatici connessi ad El Niňo, che hanno causato danni considerevoli alle infrastrutture ed ai raccolti, hanno condotto ad un tasso di inflazione del 60.7% (1999) e ad un crescente declino del tenore di vita per gran parte della popolazione. Nel 1999, secondo i criteri della Banca Mondiale, viveva sotto la soglia della povertà il 69% della popolazione, di cui il 34% in povertà assoluta. La situazione deve essere risanata dalle principali politiche del governo, quali la ristrutturazione delle banche e del settore finanziario, il consolidamento delle finanze della stato, la riduzione dell’inflazione, la rinascita dell’industria nazionale e dell’agricoltura. Dal 2000, il dollaro USA è stata la valuta guida. La maggior controparte commerciale per le importazioni e le esportazioni sono gli Stati Uniti. Le esportazioni includono greggio, banane, tonno, frutti di mare e crostacei, cacao, caffè, zucchero e fiori tagliati. Le importazioni sono principalmente veicoli stradali, macchinari e prodotti chimici.

 


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print