Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
America
Brasile
Costa Rica
Cuba
Ecuador
Giamaica
Guatemala
Nicaragua
Rep. Dom.
Venzuela
Africa
Asia
Viaggiare in modo responsabile
Cuba





INFORMAZIONI GENERALI

Area

110 860 chilometri quadrati

Popolazione

11,4 milioni (2008)

Capitale

Havana (2,2 milioni di abitanti 2002)

Lingua ufficiale

Spagnolo

PIL pro capite (PPP)

US$ 4500 (2007)

Aumento della popolazione

0,25 percento (2008)

Vita media

77,3 anni (uomini: 75 anni, donne: 79,6 anni) (2008)

Mortalità infantile

5,9 per 1 000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

0,2 % (2003)

 

 


META TURISTICA: CUBA

Turismo

Il turismo gioca un ruolo sempre più importante per Cuba ed è attivamente incoraggiato dal governo. Il turismo è diventato la fonte principale di valuta pregiata urgentemente necessaria. A prescindere dal declino negli anni 2001 e 2002 dovuto agli eventi dell’11.9.2001 c’é un forte sviluppo costante nel settore turistico: dal 1995 con ca. 0,75 milioni ai 1,9 milioni di turisti nel 2003.  Nel 1995 le entrate lorde provenienti dal turismo ammontavano a 1 miliardo USD, nel 2003 a 2,2 miliardi USD. I visitatori vengono principalmente dal Nord America e dall'Europa Occidentale.

 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo.

Il turismo in espansione, unitamente ad altri fattori, ha contribuito alla crescita delle infrastrutture di svago. Collegato a ciò si è avuto un aumento della prostituzione e casi di commercio umano incoraggiati dalla difficile situazione economica del paese dal 1990. Ogni giorno nuovi bambini sono avviati alla prostituzione per guadagnare qualcosa e così contribuire alla sopravvivenza della famiglia. Molti bambini di strada vengono rapiti e diventano in seguito vittime di sfruttamento sessuale. Nella loro disperazione, alcuni cedono davanti a promesse di lavori ben retribuiti nelle città. Negli anni recenti, è aumentato notevolmente il numero di bambini sfruttati sessualmente nelle città. La stampa riporta casi in cui i turisti stranieri hanno richiesto in particolare bambini al di sotto dei 14 anni.

La prostituzione è illegale a Cuba. I clienti possono essere multati o incarcerati per un periodo da due a cinque anni. Le prostitute e i protettori rischiano la prigione fino a otto anni.

Cuba ha ratificato la Convenzione UN sui Diritti del Bambino il 21 August 1991 ed ha iniziato a proteggere i bambini contro ogni forma di sfruttamento sessuale e di abuso sessuale.

 

Chiunque osservi un caso di abuso su minori dovrebbe riferirlo all'operatore turistico, alla guida turistica, al direttore dell'albergo. Riferimenti possono essere fatti anche alla polizia locale, alle ambasciate e alle organizzazioni non governative che si occuperanno di questi casi.

 

HIV/Aids 

Con il dilagare della prostituzione, sono pure aumentati i timori per un incremento del virus HIV e dell'AIDS. Secondole valutazioni dell'UNAIDS e dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, alla fine del 1999 vi erano 1950 persone a Cuba infettate dal virus HIV, comprese 450 donne e poco meno di 100 bambini. Nello stesso anno, 120 cubani sono morti a seguito dell'infezione da virus HIV.


 

Contatti locali

 

UNICEF - Cuba country office

Calle 1ra B  Nro. 15802

esquina a 158

Reparto Náutico

Playa, C. Habana, Cuba

Phone: +537 208 6094

Fax: +537 208 6288

Email: havana@unicef.org

Website: http://www.unicef.org

Main contact person(s): Arsenio García (agarcia@unicef.org)

 

 

 


POLITICA ED ECONOMIA

Stato e società

Cuba è una Repubblica Socialista. Capo dello stato e del governo è il presidente del Consiglio di Stato, che presiede un Consiglio di Ministri. Vi è un congresso popolare e l'unico partito permesso è il Partito Comunista di Cuba. Lo Stato, l'economia e la società sono controllati centralmente. Le violazioni dei diritti umani a Cuba sono state crticate nel 2000 dalle Nazioni Unite ed é un problema ancora molto presente in Cuba. Inoltre viene impedito a molti cubani di esercitare i propri diritti civili e perfino di poter agire liberamente secondo i principi e le libertá di base.

 

Circa metà dei cubani sono mulatti e meticci, un terzo è bianco, solitamente di origine spagnola, il 10 percento sono neri. Molti non professano alcuna religione, circa il 40 percento sono cristiani.

Prima del 1990, gli standards di educazione e delle cure sanitarie a Cuba erano relativamente alti. In generale, vi era un obbligo scolastico di almeno nove anni. Il tasso di alfabetismo è del 98 percento. Tuttavia, in seguito alla crisi economica, questo standard non può più essere mantenuto.  

 

Economia

L'economia cubana è decaduta a seguito dell'embargo commerciale imposto dagli USA. L'agricoltura gioca un ruolo principale nell'economia con una predominanza di coltivazione della canna da zucchero. In corrispondenza, anche l'industria per la raffinazione dello zucchero è importante. Inoltre, vi sono industrie tessili e petrolchimiche, nonché acciaierie.

Con il crollo del comunismo nell'Europa orientale, Cuba ha perso la maggior parte dei suoi mercati per l'esportazione e, in particolare, il sostegno economico del Blocco sovietico. In seguito a ciò, il paese precipitò in una crisi profonda, dalla quale l'economia cubana si sta lentamente riprendendo. La ristrutturazione, in particolare la promozione del turismo e degli investimenti esteri ha lo scopo di rafforzare l'economia del paese. La situazione sociale ed economica di gran parte della popolazione non è ancora stata toccata da alcuna ripresa e rimane precaria. Cuba è uno dei paesi all'avanguardia per la ricerca e la produzione biotecnologica, nel settore della difesa dell’ambiente e anche per quanto riguarda il settore di energie rinnovative, molte volte peró le nuove proposte non vengono realizzate perché mancano le valute necessarie.

 


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print