Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
America
Africa
Burkina Faso
Etiopia
Gambia
Kenya
Namibia
Sud Africa
Zambia
Zimbabwe
Asia
Viaggiare in modo responsabile
Zimbabwe





INFORMAZIONI GENERALI

Superficie

390.580 kmq

Popolazione

11,35 milioni (2008)

Capitale

Harare (1,9 milioni di abitanti 2006)

Ufficiale Lingue

Inglese altre lingue: Shona 70%, Sindebele 20% e dialetti minori)

Prodotto interno lordo pro-capite

U.S.$ 500 (2007)

Crescita della popolazione

-0.8% (2008)

Aspettativa di vita

44,3 anni (2008)

Mortalità infantile

33,9 per 1000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

9,3% (2003)

 

 


META TURISTICA: ZIMBABWE

Turismo

Il turismo riveste un ruolo importante per lo Zimbabwe e genera una gran parte del prodotto interno lordo. Specialmente i turisti individuali dall’Europa Occidentale, dal Nord America e dall’Australia visitano lo Zimbabwe al fine di sperimentare la cultura africana, ma anche per divertimento e per distensione. 

 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo a scopo di lucro

Il turismo è fiorente nello Zimbabwe ed, unitamente ad altri fattori, ha condotto alla crescita di una struttura ricreativa lungo le principali strade e nei centri turistici. Insieme all’apertura di bar e discoteche c’è stata anche l’ascesa della prostituzione. Come risultato di una difficoltosa situazione finanziaria, sempre più bambini, specialmente gli orfani, si trovano costretti alla prostituzione al fine di mantenersi. La prostituzione è illegale nello Zimbabwe e ci sono severe pene detentive per l’abuso sessuale sui bambini. Lo Zimbabwe ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Unite sui Diritti del Bambino l’11 Settembre 1990 e si è impegnato a proteggere i bambini contro tutte le forme di sfruttamento e di abuso sessuale.

  

Chiunque rilevasse un caso di abuso su un bambino dovrebbe segnalarlo all’operatore turistico, alla guida turistica e/o al direttore dell’albergo. Le segnalazioni possono essere fatte anche alle ambasciate ed alle organizzazioni non governative come il Childline, il Child Welfare Forums e le chiese.

 

HIV/Aids

Con la diffusione della prostituzione c’è la paura di un aumento nella frequenza di casi di HIV e di AIDS. Secondo le stime dello UNAIDS e della Organizzazione Mondiale della Sanità, alla fine del 2003 nello Zimbabwe erano infette da virus HIV circa 1.800.000 persone, tra le quali 930.000 donne e 120.000 bambini. Nel 2003 nello Zimbabwe 170.000 persone sono decedute a seguito dell’infezione. In Zimbabwe una persona tra i 15 e i 49 anni su quattro é infettata da questa malattia.


 

Contatti locali

 

Terre des Hommes - Co-ordination Zimbabwe and Zambia

Mr. Fungai Dewere

2 Wetmore Close, Off Hurworth Road

Highlands, Harare

P.O.Box 1539

Harare, Zimbabwe

Phone +263 4 747505

Fax: +263 4 747 033

Email: tdh@ecoweb.co.zw

 

African Network for the Prevention and Protection against Child abuse and Neglect - Zimbabwe Chapter

Mr. Witness Chikoko

P. O. Box 8043

Harare, Zimbabwe

Phone: +263 4 70 47 96

Fax: +263 4 70 35 92

Email: anppcan@africaonline.co.zw

 

Save the Children UK - Zimbabwe

10 Natal Road

Belgravia

Harare, Zimbabwe

Phone: +263 4 7931 98

Email: chrism@scfuk.org.uk

 

 


POLITICA ED ECONOMIA

Stato e società

Lo Zimbabwe è una democrazia ed è stata retta fin dall’indipendenza nel 1980 dall’Unione Nazionale Africana dello Zimbabwe (ZANU). Gli sforzi iniziali erano indirizzati all’eliminazione della disuguaglianza tra neri e bianchi ed anche tra città e campagna.

L’economia dello Zimbabwe dipende largamente dall’esportazione delle materie prime. Il 70% della popolazione è sostenuto dall’allevamento e dalla selvicoltura. Anche l’industria mineraria ha una considerevole importanza economica.

 

Il 98% della popolazione dello Zimbabwe è Bantu ed i due più importanti gruppi sono gli Shona e gli Ndebele. Accanto a seguaci di religioni naturali, il 50-60% della popolazione é di confessione cristiana.

 

Uomini e donne hanno uguali diritti per legge. Come nelle nazioni occidentali, questa uguaglianza formale non è realizzata in tutte le aree. Dopo aver combattuto insieme agli uomini per l’indipendenza, le donne si sono accorte che i ruoli tradizionali le riqualificavano. La cura dei bambini ed il governo della casa sono nella mani delle donne. Nello Zimbabwe la poligamia è permessa per tradizione e parecchie donne possono essere sposate con lo stesso uomo.

 

Nel complesso, i bambini sono ben curati nelle loro famiglie, come pure nella comunità e nella società. I loro diritti sono precisati in una legge per la protezione del bambino. Sebbene la maggiore età si acquisti con i 18 anni, la società vede ancora i diciottenni come bambini. Le famiglie desiderano molto per i loro bambini le stesse cose desiderate dai genitori europei – una buona istruzione ed un futuro felice. Dall’introduzione nel 1992 di un programma di adattamento strutturale per la riduzione dei debiti nazionali, le tasse scolastiche sono state appesantite, così che molta povera gente non manda più a scuola i suoi bambini. Se i genitori devono scegliere, essi tendono principalmente a mandare a scuola i figli piuttosto che le figlie. 

 

Economia

Dal 1998 Simbaue sta subendo una forte crisi economica. Il Pil é sceso nel 2003 del 18,5%, allo stesso tempo il tasso d’inflazione medio era del 400%. L’economia di Simbaue dipende fortemente dall’esportazione di materie prime. Il 70% della popolazione vive dell’agricoltura e dell’economia forestale. L’industria mineraria ha un’importanza notevole per l’economia.

 


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print