Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
America
Africa
Asia
Cambogia
Filippine
India
Laos
Nepal
Sri Lanka
Tailandia
Vietnam
Viaggiare in modo responsabile
India





INFORMAZIONI GENERALI

Superficie

3.287.590 kmq

Popolazione

1,15 miliardi (2008)

Capitale

Nuova Delhi (321.883 di abitanti, Agglomerazione: 17,8 milioni 2006)

Lingue ufficiali

Hindi, inglese e 21 lingue regionali

Prodotto interno lordo pro-capite

U.S.$ 2700 (2007)

Crescita della popolazione

1.6% (2008)

Aspettativa di vita

69,3 anni (uomini: 66,9 anni, donne: 71,9 anni) (2008)

Mortalità infantile

32,3 per 1000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

39,5% (2007)

 


META TURISTICA: INDIA

Turismo

Il turismo ha un ruolo sempre piú importante per l’India ed é al secondo posto per quanto concerne l’introito di valute estere nel Paese. Piú di 5 milioni di indú lavora nel campo del turismo, 12 milioni ne dipendono indirettamente. Si sta pensando di ampliare e sviluppare il settore del turismo ancora di piú. In India é presente sia il turismo individuale che il turismo di massa. Soprattutto Europei, Nord Americani ed Australiani vengono in India per i suoi numerosi monumenti culturali e religiosi, come pure per le grandi spiagge di Goa e le zone costiere dell’est, dell’ovest e del sud del paese. Nel 2000 furono ospitati in India 2,5 milioni di turisti.

 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo a scopo di lucro

Negli ultimi anni sono stati aperti bar e discoteche, in parte come conseguenza del crescente sviluppo del turismo. In questo contesto, sono anche aumentati prostituzione e casi di traffico di esseri umani.

Secondo le stime di ECPAT e dell’UNICEF, pubblicate a metà del 1990, in India sono stati obbligati alla prostituzione dai 400.000 ai 500.000 bambini. Per loro il rischio di essere infettati dall’HIV è particolarmente alto poiché rapporti sessuali forzati con adulti comportano spesso gravi lesioni fisiche. I bambini si trovano in un circolo vizioso di sfruttamento, dal quale pochi sono in grado di salvarsi. La droga offre una via per far fronte ai problemi, ma contemporaneamente indebolisce il sistema immunitario ed aumenta la predisposizione a contrarre le malattie e l’AIDS.

 

Il traffico di esseri umani ha luogo lungo gli itinerari del commercio tradizionale. Dal Nepal, per esempio, dalle 500 alle 700 ragazze, tra gli 8 ed i 18 anni, vengono portate in India od in altri paesi per lavorare nei bordelli. Secondo le Nazioni Unite nelle città dell’India ci sono 150.000 prostitute nepalesi. Alcune caste Indù praticano la prostituzione lungo gli itinerari del commercio, talvolta con la consapevolezza da parte delle autorità.

 

L’India ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Uniti sui Diritti del Bambino il 15 Ottobre 1992 e si è impegnata a proteggere i bambini contro tutte le forme di sfruttamento ed abuso sessuale.

 

Chiunque rilevasse un caso di abuso su un bambino dovrebbe segnalarlo all’operatore turistico, alla guida turistica e/o al direttore dell’albergo. Alcuni casi sono già stati segnalati dai turisti. Anche le ambasciate e le organizzazioni non governative, come ANKARUM a Hyderabad e CRG e Jan Ugahi a Goa possono essere contattate ed esse seguiranno i casi.

 

HIV/Aids

Con la diffusione della prostituzione, si teme anche l’aumento della frequenza di HIV e di AIDS. Secondo le stime dell’UNAIDS e dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità, alla fine del 2001 avevano contratto infezione da virus HIV circa 3.97 milioni di indiani, tra i quali 1,5 milioni di donne e 170.000 bambini. Nello stesso anno ne morirono 310.000 d’Indiani.


 

Contatti locali

 

Terre des Hommes Germany – Regional Co-ordination Office for South Asia

Regie House

Opp Police Lines

Pandita Ramabai Road

Pudumjee Park, Nana Peth,

Pune 411 002, India

Phone +91-20-2634 40 28

Fax +91-20-2634 40 29

Email: admin@tdhsouthasia.com

Website: http://www.childrensrightsindia.org

 

Children's Rights in Goa

F-5 Meera Buildings

Near Gomantak Bhavan

Santa Inez,

Panaji, Goa - 403 001, India

Phone: +91 832 2426518

Email: dial1098@childlineindia.org.in

Website: http://www.childrightsgoa.org/

 

Childline India Foundation

Nana Chowk Municipal School

Frere Bridge

Mumbai - 400 007, India

Phone: +91 22 23881098

Fax: +91 22 381 1098

Email: dial1098@childlineindia.org.in

Website: http://www.childlineindia.org.in

 

Equations ECPAT-Network

23/25 7th Cross, Vigyan

Nagar, New Thippasandra Post

Bangalore  560075, India

Phone: + 91 80 5244988

Fax: + 91 80 5344149 extn 41

Email: equations@vsnl.com

 

Liberal Assocation for Movement of People (LAMP)

66 Surya Sen Street

Kolkata 700009, India

Phone: +91 33 241 8496

Fax: +91 33 241 6983

Email: dishari@vsnl.net

Website: http://www.lamp-ngo-india.org

 

Manav Kalyan Sansthan

(Human Welfare Society)

50, Laxminagar

Jopdhpur 342010, India

Phone: +91 291 255 0390

Fax: +91 291 255 0390

Email: manavkalyan@hotmail.com

 


POLITICA ED ECONOMIA

Stato e società

L’India, la maggior democrazia parlamentare del mondo, è composta dall’unione di 31 stati e territori.

L’avvento delle classi medie è aumentato di dieci volte negli ultimi anni. Ciò nonostante, almeno tre quarti della popolazione sono tagliati fuori dalle moderne infrastrutture del paese e devono lottare per sopravvivere: 265 milioni di indiani vivono sotto la soglia di povertà. Due quinti dei bambini indiani sono denutriti. Il subcontinente ha la più alta mortalità giovanile del mondo.

 

In India molte religioni coesistono tra loro. Circa tre quarti della popolazione sono indù, quasi un ottavo è musulmano, il 3% è cristiano o Sikh, gli altri sono buddisti o altro. La religione riveste un ruolo importante nella vita quotidiana. Per tutti i gruppi religiosi le relazioni sessuali sono ammesse solo nel matrimonio. La famiglia è tenuta in alta considerazione.

 

Vige la parità legale tra uomini e donne. Essi hanno gli stessi diritti all’istruzione e ad un’uguale retribuzione. Come nelle nazioni occidentali, ci sono tuttavia grandissime differenze tra quanto dice la legge e la realtà della vita quotidiana. Solo per alcuni aspetti fondamentali della vita, l’emancipazione della donna è effettiva. La differenza è in parte dovuta alle tradizioni religiose. Per esempio, secondo la Legge di Manu, le donne sono subordinate all’uomo per tutta la loro vita, prima al padre, quindi al marito ed alla morte di questi al proprio figlio. Per questa legge una donna deve onorare il marito e non sono tollerati rapporti con altri uomini. Le donne non dovrebbero fumare in pubblico, non dovrebbero dare la mano agli uomini e non dovrebbero abbracciare o baciare nessuno.

 

I bambini sono ben curati, indipendentemente dalle credenze religiose. Le famiglie desiderano per i loro bambini quello che tutti i genitori dell’Europa desiderano per i propri figli: una buona educazione ed un futuro felice. Le tradizioni religiose esigono che, per esempio, alla figlia sia fornita una dote, cosa che per molte famiglie costituisce un considerevole onere finanziario. Se qualcuno promette di fornire un buon lavoro alla figlia, allora la famiglia può venderla anche se ciò avviene raramente per mancanza di scrupoli, ma piuttosto per ignoranza e necessità.

 

Economia

L’economia indiana sta crescendo ad un tasso del cinque/sei per cento annuo ed ha un ruolo di guida nello sviluppo di software e di tecnologia informatica.

 


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print