Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
America
Africa
Asia
Cambogia
Filippine
India
Laos
Nepal
Sri Lanka
Tailandia
Vietnam
Viaggiare in modo responsabile
Cambogia





INFORMAZIONI GENERALI

Superficie

181.040 kmq

Popolazione

14,2 milioni (2008)

Capitale

Phnom Penh (2 milioni di abitanti 2006)

lingue ufficiali

Khmer (altre lingue: inglese e francese)

Prodotto interno lordo pro-capite

U.S.$ 1800 (2007)

Crescita della popolazione

1,8% (2008)

Aspettativa di vita

61,7 anni (2008)

Mortalità infantile

56,7 per 1000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

26,4% (2004)

 

 


META TURISTICA: CAMBOGIA

Turismo

Il turismo riveste solo un ruolo minore ma fortemente in aumento nell’economia cambogiana. Nel 2003 hanno visitato il Paese 700.000 persone.

Un gran numero di visitatori stranieri è venuto nel paese solo all’inizio del 1990, in occasione della Missione UNTAC (Commissione delle Nazioni Uniti per la Transizione della Cambogia). 

 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo a scopo di lucro

L’apertura del paese, dal 1992, agli osservatori internazionali, ai militari delle Nazioni Unite, agli amministratori e consulenti ha portato nuovi problemi al paese. Sono nati desideri consumistici, pochi dei quali potevano essere soddisfatti data la persistente povertà.

La prostituzione aumentò moltissimo e con essa il tasso delle infezione da HIV. Secondo valutazioni realistiche, Phnom Penh ha 15.000 prostitute, un terzo delle importate da Cina e Vietnam. Un terzo ha meno di 18 anni e la metà è HIV-positiva.

Unitamente alla prostituzione c’è stato anche l’aumento del traffico di esseri umani, benché in Cambogia il rapimento di bambini per la prostituzione possa essere punito con la reclusione fino a 20 anni. Stanno aumentando con frequenza i casi di famiglie povere che vendono le figlie ad individui che promettono di trovare loro buoni lavori in città. Questo avviene raramente per mancanza di scrupoli, ma piuttosto per ignoranza e necessità.

 

La convinzione largamente diffusa che il rapporto sessuale con bambini abbia effetti ringiovanenti e vivificanti dà come risultato che un crescente numero di bambini sempre più giovani venga costretto alla prostituzione. Questo sviluppo è anche in relazione con la credenza largamente diffusa che i bambini contraggano meno facilmente il virus HIV. Ovviamente ciò non è vero. I bambini, il cui sistema immunitario è spesso indebolito dalla povertà, corrono un rischio particolarmente alto di infezione da HIV, poiché il rapporto sessuale forzato con gli adulti frequentemente conduce a gravi lesioni fisiche, oltre che al danno mentale che può derivarne.

  

La Cambogia ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Uniti sui Diritti del Bambino il 15 Ottobre 1992 e si è impegnata a proteggere i bambini contro tutte le forme di sfruttamento ed abuso sessuale.

 

Chiunque rilevasse un caso di abuso su un bambino dovrebbe segnalarlo all’operatore turistico, alla guida turistica e/o al direttore dell’albergo. Le segnalazioni possono essere fatte anche alle ambasciate ed alle organizzazioni non governative che seguiranno questi casi.

 

HIV/Aids

Gli aumentati casi di prostituzione hanno condotto alla diffusione quasi epidemica del virus HIV. Il 4% della popolazione adulta è HIV-positivo ed ogni giorno ci sono circa 100 nuovi casi. La ha quindi il più alto tasso di infezione da HIV dell’Asia.

Secondo le stime dell’UNAIDS e dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità, alla fine del 2001, in Cambogia avevano contratto infezione da virus HIV 170.000 persone, tra le quali 74.000 donne e 12.000 bambini. Nello stesso anno, 12.000 cambogiani sono deceduti a seguito dell’infezione.


 

Contatti locali

 

Terre des Hommes Germany - Co-ordination office Cambodia

Mr. Tou Vantha

# 23, Street 348, Boeung Keng Kang 3, Chamcarmon,

Phnom Penh, CAMBODIA

Phone +855 23 222553

Email tdhcam@online.com.kh

 

Hagar Cambodia

#53D Street 242

Sangkat Veal Vong, Khan 7 Makara

P.O. Box 1521

Phnom Penh, Cambodia

Phone: +855 23 219 045

Fax: +855 23 213 375

Email: info@hagarinternational.org

 

UNICEF - Cambodia

PO Box 176

Phnom Penh, Cambodia

Phone: +855 23 426 214/5

Fax: +855 23 426 284

Email: phnompenh@unicef.org

 

Cambodian Centre for the Protection of Children's Rights

PO Box 2487

Phnom Penh 3, Cambodia

Phone/Fax: +855 23 363 316

Email: info@ccpcr.org

 

ECPAT - Cambodia

(End Child Prostitution Abuse and Trafficking in Cambodia)

Mr. Chin Chanveasna

#36, St. 99, Sangkat Boeung Trabek

Phnom Penh, Cambodia

Phone : +855 23 213 021

Fax : +855 12 923 254

Email: director@ecpatcambodia.org

 

AFESIP Cambodia

Administration, Human Resource and Communication Department

#62CE0, Street 598, Boeung Kak 2

Toul Kork, Phnom Penh

Cambodia

Phone/Fax: +855 023 884 123

Email: info@afesip.org

Website: http://www.afesip.org/

 


POLITICA ED ECONOMIA

Stato e società

La Cambogia è una monarchia costituzionale. Il Capo dello Stato è il Re, che viene eletto dal consiglio ed è anche il capo delle forze armate, ma non ha poteri esecutivi. Il potere politico è attribuito al Primo Ministro ed al governo. Oltre all’Assemblea Nazionale c’è ora anche il Senato.

Dopo che nel 1991, il governo ed i Khmer Rossi hanno raggiunto a Parigi un accordo di pace, si sono tenute nel 1993 le prime elezioni democratiche e la Cambogia non è più in condizione di guerra civile. Ciò nonostante in molte regioni del paese le armi ancora non tacciono.. I Khmer Rossi continuano a terrorizzare ed a depredare la popolazione. Prova del fatto che la guerra non è cosa del passato sono i campi minati. La Cambogia ha la più alta percentuale mondiale di mutilati. In generale la società è gravata dalla burocrazia, dalla polizia corrotta e da un assurdo sistema legale. Per un lungo periodo la popolazione ha dovuto andare avanti senza istruzione e ad oggi circa due terzi dei Cambogiani non sono capaci di leggere. La Cambogia ha uno dei più alti tassi di analfabetismo del mondo.

La popolazione della Cambogia è formata per l’85% da Khmer, per il rimanente per lo più da vietnamiti. C’è anche un piccolo numero di cinesi e di Chams musulmani. Durante il regno del terrore di Pol Pot, tra il 1975 ed il 1979, più di 1 milione di cambogiani hanno perso la vita. Le minoranze etniche sono state sterminate, costrette ad emigrare o spostate.

Prima del 1975, circa il 90% della popolazione era seguace del buddismo. I Khmer Rossi hanno soppresso tutte le religioni ed è solo dall’inizio del 1990 che l’attività religiosa ha ripreso una certa vitalità, lo dimostra il numero di monasteri nuovamente eretti.

 

La popolazione della Cambogia ha vissuto per due decenni in condizioni di violenza e sotto un regime dispotico. Le violazioni dei diritti umani erano avvenimenti quotidiani. Queste traumatiche esperienze hanno condotto all’abbrutimento di molti aspetti della società.

Unitamente ai problemi della povertà e della mancanza di opportunità di lavoro, ciò ha condotto ad un circolo vizioso che colpisce influisce soprattutto bambini e donne. Molti mariti, padri e fratelli si sono dati all’alcool per affogare la loro frustrazione e le donne ed i bambini hanno sofferto violenza domestica, percosse e stupro. Guerra e spostamenti hanno disgregato molte famiglie. Sempre più bambini vivono come orfani nelle strade di Phnom Penh, dove ogni giorno incontrano violenza e criminalità.

 

Economia

Il governo sta tentando di modernizzare il settore agricolo, al fine di fornire alla popolazione riso, mais, verdura e carne. Pesca, silvicoltura e produzione industriale sono tutte bruscamente precipitate. A causa della minaccia delle mine antiuomo, vaste zone di territorio non possono essere coltivate.

 


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print