Turisti Industria Turisti Organizzazioni Mass Media Stati
 
Mete turistiche
Europa
America
Africa
Asia
Cambogia
Filippine
India
Laos
Nepal
Sri Lanka
Tailandia
Vietnam
Viaggiare in modo responsabile
Nepal





INFORMAZIONI GENERALI

Superficie

147.181 kmq

Popolazione

29,52 milioni (2008)

Capitale

Kathmandu (850.000 milioni di abitanti 2004)

Lingue ufficiali

Nepalese (altre lingue: Maithali 12.1%, Bhojpuri 7.4%, Tharu (Dagaura/Rana) 5.8%, Tamang 5.1%, Newar 3.6%, Magar 3.3% and Awadhi 2.4%)

Prodotto interno lordo pro-capite

U.S.$ 1.100 (2007)

Crescita della popolazione

2.1% (2008)

Aspettativa di vita

60,9 anni (2008)

Mortalità infantile

62 per 1000 nati vivi (2008)

Tasso di analfabetismo

51% (2007)

 


META TURISTICA: NEPAL

Turismo

Il turismo riveste un ruolo di crescente importanza nel Nepal ed è diventato con 60 milioni di US-dollari la piú importante fonte di guadagni del Paese. I 300.000 visitatori che vengono ospitati all’anno vengono nel Paese soprattutto per ammirare le imposanti montagne dell’Himalaia cosí come le testimonianze culturali dell’induismo e del buddismo. Il turismo di massa é presente quanto il turismo individuale.

 

Sfruttamento sessuale dei bambini nel turismo a scopo di lucro

Nel Nepal sono rari i casi di sfruttamento sessuale di bambini nel turismo a scopo di lucro. I proprietari dei bordelli nei paesi limitrofi ed i trafficanti di esseri umani stanno sfruttando per i propri fini la cattiva situazione economica dei nepalesi. Essi vengono in Nepal ed adescano i bambini e le giovani ragazze con promesse di formazione, di un buon matrimonio o di un lavoro ben pagato e li portano in India, Pakistan o a Hong Kong. Casi di famiglie povere che credono alle promesse e vendono i loro bambini per ignoranza e disperazione stanno diventando sempre più frequenti.

 

Il rapimento di ragazze nepalesi da far lavorare nei bordelli dell’India è uno dei peggiori casi conosciuti di traffico organizzato di esseri umani. Esso è diventato altamente remunerativo ed è reso più facile dalle frontiere aperte con l’India e dalla complicità della polizia.

Ogni anno più di 10.000 ragazze tra i 9 ed i 16 anni sono rapite in Nepal e nel Bangladesh per lavorare nei bordelli dell’India. Gli esperti stimano che da 200.000 a 250.000 donne e bambini Nepalesi sono trattenuti in India per farli prostituire.

In molti paesi asiatici c’è la convinzione largamente diffusa che il rapporto sessuale con bambini possa ringiovanire e rivitalizzare ed i bambini rapiti in Nepal sono sempre più giovani. C’è anche la convinzione largamente diffusa che i bambini contraggano meno facilmente l’infezione da virus HIV. Ovviamente ciò non è vero. Per i bambini le conseguenze possono essere fatali. Il loro sistema immunitario è spesso già indebolito dalla povertà ed il rischio di infezione è particolarmente alto se sono forzati ad un rapporto sessuale con adulti poiché, oltre al danno mentale, essi subiscono gravi lesioni fisiche.

  

Il Nepal ha ratificato la Convenzione delle Nazioni Uniti sui Diritti del Bambino il 14 Settembre 1990 e si è impegnato a proteggere i bambini contro tutte le forme di sfruttamento ed abuso sessuale, incluso il rapimento di bambini per la prostituzione in altri paesi.

 

Chiunque rilevasse un caso di abuso su un bambino dovrebbe segnalarlo all’operatore turistico, alla guida turistica e/o al direttore dell’albergo. Le ambasciate e le organizzazioni non governative seguiranno i casi loro segnalati.

 

HIV/Aids

Secondo le stime dello UNAIDS e dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità, alla fine del 2001 in Nepal avevano contratto infezione da virus HIV 58.000 persone, tra le quali 14.000 donne e 1.500 bambini. Nello stesso anno, 2.400 Nepalesi sono deceduti a seguito dell’infezione da HIV.


 

Contatti locali

Bhutan Women and Children Organisation

GPO Box #3485

Kathmandu, Nepal

Phone: +977 1 529 106

Fax: +977 1 542 284

Email: kesang.drukpa@bhutannewsonline.com

Website: http://www.geocities.com/bhutanwomen

 

Child Workers in Nepal Concerned Centre

P.O. Box 4374,

Rabibhawan,

Kathmandu, Nepal

Phone: 00 977 1 278064/282255

Fax: 00 977 1 278016

Email: cwin@mos.com.np

Website: www.cwin-nepal.org

 

Terre des Hommes - Nepal

Chakupath, Patan

P.O. Box 2430

Kathmandu, Nepal

Phone: +977 1 5555348

Fax: +977 1 5532558

Email: delegate@wlink.com.np

Website: http://www.tdhnepal.org

 


POLITICA ED ECONOMIA

Stato e società

Il Regno del Nepal è sempre stato indipendente, fin dalla sua costituzione nel 1768. Dal 1990 è diventato una monarchia costituzionale. Il potere esecutivo è demandato al Consiglio dei Ministri ed il Parlamento ha una Camera Alta ed una Camera Bassa. Nella primavera del 2004 per via di una rivolta armata vennero uccise centinaia di persone.

 

Il Nepal è caratterizzato da una considerevole varietà di culture ed ha una ricca eredità culturale. Quasi tre quarti della popolazione appartengono ai gruppi etnici indo-nepalese ed indiano, circa un quarto ai gruppi nepalesi originari. C’è anche una minoranza tibetana. I rari gruppi etnici come i Newar, i Tamang, i Tibetani ed gli Sherpas differiscono considerevolmente per stile di vita, abbigliamento e riti religiosi. Il 90% della popolazione è induista.

 

La maggior parte delle persone vive in povertà e la mortalità giovanile è estremamente alta. Solo il 3% dei giovani frequenta la scuola oltre il livello elementare, il tasso di alfabetizzazione è basso e solo una donna nepalese su dieci è capace di leggere e scrivere. A causa della scarsa istruzione, la gente spesso non ha la possibilità ed i mezzi per superare la povertà.

 

Economia

L’economia nepalese è basata sull’agricoltura e sull’allevamento del bestiame, che occupa il 93% della popolazione. L’interno del paese manca delle infrastrutture necessarie alla produzione industriale. Circa il 60% del territorio non è abitabile e solo il 17% può essere adibito all’agricoltura. Le più importanti fonti di entrate sono il turismo e l’esportazione dei tappeti tibetani. Le risorse naturali non sono ancora state sfruttate. Con un prodotto interno lordo pro-capite di 246 U.S.$, il Nepal è uno dei paesi più poveri del mondo.

 


  Downloads (scaricare)
  Mapa del sito
  Contatti
  Stampare
  Print